Pivetti (FDI): “Occorre combattere il disagio sociale che è linfa del crimine. La politica faccia la sua parte”

Per troppi anni si è riproposto lo stesso copione: Troppi diritti negati e nostri ragazzi vanno via. Condivido l’accorato appello dei vescovi isolani ai candidati alla presidenza della Regione: “Il prossimo governo dovrà dare voce a chi non ha voce e senza lasciare indietro i più fragili”. Sono certo che il prossimo governo regionale, che come auspico sarà guidato dall’alto profilo politico di Renato Schifani, darà risposte concrete al nostro tessuto socioeconomico in sofferenza, dedicando una particolare attenzione ai giovani che non devono essere più costretti ad andare via per cercare un lavoro che gratifichi le proprie competenze acquisite nel corso della propria formazione. Ogni giovane che lascia la Sicilia per cercare un lavoro in altri paesi è una sconfitta per tutti. I vescovi fanno bene a ricordare che “il disagio sociale è linfa del crimine” che deve essere combattuto con atti politici propedeutici affinché la società possa migliorare nel suo complesso. In questo contesto la riapertura degli oratori riveste un ruolo importante poiché sono luoghi di incontro dove bambini, animatori e genitori, possono trovare lo spazio per condividere, per divertirsi, per sentirsi comunità.