Pubblicato in Archivio
10/05 2009

Il perchè di una scelta dolorosa

 

 

io

io

Oggi a pagina 6 del Giornale di Sicilia vi è un articolo che mi riguarda.

E’ opportuno che io spieghi i motivi di questa scelta. Come sapete tutti da anni sono al fianco del Sen. Marcello Dell’Utri nella promozione e nello sviluppo del Circolo del Buon Governo di cui sono presidente qui a Palermo.

Il Circolo è stata un’arma formidabile: ha consentito a moltissimi giovani di affacciarsi alla vita politica ed ha consentito ai politici di poter attingere ad un serbatoio importante di persone in grado di potere, un giorno, forse, essere classe dirigente.

Con questo spirito insieme ad un gruppo di amici abbiamo dato vita al Circolo del Buon Governo di Palermo, animati da autentica voglia di fare tante cose. E – devo dire – ne abbiamo fatte tante. Ricordo l’inaugurazione con la lettura degli inediti diari di Mussolini alla presenza del Sen. Dell’Utri e di insigni studiosi della materia, ricordo il famosissimo convegno all’Hotel Centrale durante il quale Gianfranco Miccichè lanciò di fatto il via alla sua candidatura, poi abortita, alla presidenza della Regione, abbiamo messo su 3 squadre di tennistavolo professionistiche ed un centro addestramento per bambini che ha dato vita a sua volta a due squadre di serie D, abbiamo promosso un incontro per la sicurezza stradale tra gli assessori al ramo di Palermo e Reggio Calabria, siamo stati vicini ai terremotati d’Abruzzo promuovendo insieme al presidente dell’VIII circoscrizione Vitale una raccolta di indumenti da inviare in loco, abbiamo commemorato anche la scomparsa di Re Umberto II alla presenza della Senatrice Simona Vicari, dei Proff. Tommaso Romano e Vincenzo Lo Jacono e del Cav. D’Appolito. Insomma cose di primo piano, cose di cui andar fieri.Con questo animus abbiamo inteso operare sul territorio.

A tutto questo però non sono mai seguiti fatti cconseguenziali. La dirigenza del Circolo è sempre stata disponibile ad ascoltare le nostre sacrosante rivendicazioni ed istanze, ma non è mai stata conseguenziale. Non abbiamo mai avuto un riferimento sul territorio. Il vuoto (!) lasciato dall’On. Giuseppe Catania, che era una interfaccia sul campo del “comando generale” non è stato mai colmato. Gli unici contatti andavano in onda ad ogni campagna elettorale, questa compresa.

Da Gianfranco Miccichè a scendere non abbiamo mai avuto la possibilità di un confronto diretto e quando abbiamo tentato di ricevere dei segnali di amicizia, bene che andava, finivamo nel dimenticatoio. In altre occasioni invece abbiamo ricevuto pubblici ostracismi.

Da un anno e mezzo dunque lentamente ma inesorabilmente abbiamo preso le distanze da un modus operandi che non ci è andato mai a genio.

La situazione politica creata da una parte del PDL ha determinato questa decisione.

Non possiamo condividere in alcun modo questo metodo di fare politica, non possiamo sottostare a diktat da parte di nessuno. Con noi si parla e si discute con la forza della ragione.

Noi abbiamo scelto di restare con la maggioranza del PDL, con quella parte sana del partito che oggi dialoga senza infingimenti e con rispetto con tutti, quella parte del partito che riconosce in Silvio Berlusconi il suo leader nazionale e Giuseppe Castiglione come leader regionale (in cooperazione col Sen. Nania),

Noi abbiamo scelto il partito sopra ogni cosa, altri invece utilizzano il partito per i loro fini, per la tutela delle loro poltrone e per la rivendicazione di altre posizioni apicali all’interno della pubblica amministrazione o all’interno delle Istituzioni.

Guardiamo avanti, guardiamo con fiero orgoglio ciò che ci attende sapendo che tutto ciò che sarà sarà perchè lo avremo voluto noi e non perchè altri ce lo avranno imposto.

 

COMMENTI

  1. 10/05 2009

    Cosa c’è a pagina 6?

  2. Michele
    10/05 2009

    Walter Walter……ma come non sei un City journalist??? ;-) In questo caso sei molto City e poco Journalist!!! :-D

  3. flavio biasia
    12/05 2009

    bravo Pivetti. Ci vogliono le palle per fare quello che hai fatto!

  4. cosimo.
    13/05 2009

    Condivido la scelta…gente pulita con gente pulita….a buon intenditor…