Pubblicato in Archivio
9/01 2009

I problemi della Città

Teatro Massimo

La tentazione di esordire alla Johnny Stecchino (i ttraffico, la siccittà, e l’Etna) è forte ma a ben vedere almeno 2 su 3 dei problemi evidenziati in quella storica battuta sono drammaticamente attuali e non mi riferisco certamente alla meravigliosa Montagna).
Voglio provare però a tracciare una piccola mappa dei problemi che affliggono la nostra bella Palermo ed a proporre soluzioni.
1) Il traffico: caos, clacson, corsie preferenziali occupate abusivamente, auto in divieto di sosta, Tir e furgoni che scaricano e caricano a qualsiasi ora e costante inciviltà dei palermitani nel guidare sono senza dubbio causa di fortissimo stress per i cittadini. Uscire di casa per andare al lavoro, in un negozio o anche solo a trascorrere un momento di riposo diventa una scommessa. La soluzione a parer mio è quella di disincentivare l’uso dl mezzo privato a 4 ruote.Quindi si chiuda il centro come si fa nella grandi Città, si istituiscano tariffe agevolate per l’utilizzo dei Taxi, si moltiplichino le corse dei bus assumendo nuovo personale, si opponga il più fermo e totale divieto di carico e scarico per i furgoni e per i Tir (eccetto quelli che trasportano merci deperibili o farmaci) in orari di punta, si piazzino cordoli e telecamere lungo le maggiori arterie stradali;
2)la sporcizia: è inutile negarlo, Palermo è una Città che soffre molto. Ed è inutile sparare a zero contro l’Amia. L’azienda con le risorse degli ultimi due anni ha fatto miracoli, a quest’ora saremmo ridotti peggio di Napoli. Adesso speriamo solo che con i contributi giunti dallo Stato l’Amia possa realmente mettere giù un piano industriale serio ed affidabile nel lungo periodo. I problemi maggiori sono rappresentati dai cassonetti sempre pieni a tutte le ore del giorno e della notte e non per colpa degli autompattatori guasti. La colpa è unicamente dei palermitani – privati cittadini ed esercizi commerciali – che non rispettano i normali orari (18-22) durante i quali è consentito disfarsi del pattume. In questo chiamo in causa anche i Vigili Urbani che invece di star lì a fare multe perchè il signor x cammina senza casco, dovrebbero anche tentare di far rispettare le regole di buona educazione elevando contravvenzioni a go-go. Soluzione: si installino punti di raccolta con i cassonetti a scomparsa, cioè quelli che affondano nel terreno e non si vedono in giro, si istituiscano multe salatissime (da 500€ in su) per chi viola le disposizioni di legge o le ordinanze sindacali e si provveda ad istituire il reato di inquinamento urbano (ma questa è una cosa che dovrebbe studiare il Parlamento);
3)zingari ed immigrati clandestini:adesso qualche deficente mi insulterà dicendomi che sono razzista, xenofobo e via dicendo.Chi se ne frega!!
Diciamoci la verità la nostra Città e soprattutto il nostro Centro Storico (che scrivo in maiuscolo di proposito) sono ostaggio di immigrati clandestini e di zingari. Ad ogni angolo, ad ogni cassonetto, ad ogni semaforo ce ne sono da due a quattro pronti a chiederti annche con veemenza i soldi o (moda del momento)qualcosa da mangiare. Spesso utilizzano raggazzini di 5 o 6 anni. Peccato che poi girino in SUV e telefonino con cellulari da 500€ (ieri ho visto una zingara – via del giardino angolo via duca della verdura) salire su un Rav4 mentre parlava con un Nokia N95……no comment…). La sera è diventato difficile camminare per la Palermo vecchia senza imbattersi in gruppi di extracomunitari ubriachi che sono dei potenziali pericoli. Palermo sta diventando un misto tra un suk arabo ed il Bronx. Non possiamo permetterlo! Soluzione: la competenza per materia sarebbe del Ministero dell’Interno, ma visto che la Lega è un bla- bla senza fine e che Maroni (che pure mi sta simpatico) non sembra aver il polso della situazione e per ora ha in testa solo Malpensa dovremmo attrezzarci noi utilizzando le leggi che ci sono. Ergo: applichiamo la Bossi-Fini articolo per articolo, la Polizia Municipale entri in ogni casa del centro a verificare chi la occupa ed in quali condizioni e prenda provvedimenti, dichiari inagibili tutti gli stabili che meritano il provvedimento amministrativo e denunci i proprietari che affittano a clandestini (come per legge).
So benissimo che esistono numerosi altri problemi in Città ma da qualche parte bisogna pur partire. Ho voluto individuare le cose che sono di più immediata soluzione e che non necessitano di particolari modifiche legislative o di particolari impegni.
Partendo da qui poi, si potrebbe passare a risolvere problemi forse anche più gravi.
Mettiamocelo in testa, Palermo non è Milano, nè mai lo sarà però è la nostra Città e dobbiamo amarla e rispettarla come fosse un Eden. Tutti insieme possiamo farcela, occorre pugno di ferro e buona volontà.

 

COMMENTI

  1. 12/01 2009

    Cioé! Mi pubblichi ‘sto articolone e non me lo segnali per l’urban blog!

  2. Michele
    12/01 2009

    vai Walter copia/incolla…..ti cedo i diritti ;)

  3. 12/01 2009

    Sarà fatto… per la giornata di domani…

  4. Michele
    12/01 2009

    In questo link un mio articolo sulla patetica raccolta di firme di Leoluca Orlando

    http://palermo.blogolandia.it/2009/01/12/raccolta-firme-contro-cammarata-lautoreferenzialita-di-leoluca-orlando-e-fastidiosa/#comment-4039

  5. Piero Silvestri
    13/01 2009

    ‘Io non vado da Obama,io protagonista,non comparsa’.Cribbio!!Comunque il Prof.Leoluca Orlando è amico della Segretaria di Stato,cioè Hillary Clinton,ospite della bella Palermo orlandiana nell’anno 2000!

  6. Piero Silvestri
    13/01 2009

    Certamente se Zeus-Diòs esiste,non si occupa degli autobus genovesi,ma delle moltitudini derelitte e disperate,dei poveri,dei dannati della terra,di coloro che non hanno nulla.Il Cristianesimo,nel suo grandissimo messaggio,è amore del prossimo,uguaglianza,giustizia,e certamente non è ricchezza,truffaldineria,mercantilismo ed ipocrisia della finta bontà.Sta con i Rom,con gli immigrati,con gli emarginati.sta anche con coloro che non credono,ma che,in ogni momento del giorno,si comportano da cristiani autentici.

  7. 18/01 2009

    Ciao, blogger… ti ho conferito il Premio Dardos. Per maggiori informazioni vai sul mio blog. Buona domenica!