Pubblicato in Archivio
23/09 2008

Ma di quale antifascismo stiamo parlando?

Dux

RICEVO E PUBBLICO VOLENTIERI

Come il vintage, è tornato di moda l’antifascismo e i più “intelligenti”, quelli che ritengono di avere il monopolio della virtù, della cultura e di tutte le furbizie annesse e connesse, ritengono di riuscire a spacciarlo come “valore democratico”.

Freniamo un attimo e guardiamoci dentro…

Il fascismo durò un ventennio: costruì strade, monumenti, l’Inps e chi più ne ha più ne metta, ma privò certamente gli Italiani della loro libertà. Fu infatti una DITTATURA e generalmente agli Italiani non piacciono le dittature. Però il fascismo è FINITO da molto ma molto tempo.

Un’altra dittatura è durata molto più a lungo ed è il comunismo, che ha distrutto intere nazioni. Quindi chi voglia assumere l’antifascismo come valore democratico deve necessariamente affiancargli l’anticomunismo.

Però, dico io, non sarebbe opportuno farla finita con queste ciance? Non sarebbe opportuno evitare di parlare a vanvera o, peggio, di utilizzare l’antifascismo per mascherare la desolante assenza di argomenti attuali?

Gianni Baget Bozzo (Il Giornale, 16 settembre 2008) ha mirabilmente spiegato che esistono due antifascismi:

_________________
- uno “democratico”, che mirò alla democrazia e alla libertà, combattendo contro il fascismo finché durò il regime;

- uno “rivoluzionario”, che si propone come “lotta perenne contro un male oscuro che incide sulla realtà storica dell’Occidente” e che si fonda, dunque, non sulla democrazia e sulla libertà, ma sul “rifiuto di un male oscuro che non ha mai termine e rinasce ogni volta dalle sue ceneri”.

_________________
Poiché il fascismo è finito da tempo, resta solo l’antifascismo come lotta tra male e bene e – particolare gravissimo – il bene starebbe tutto a Sinistra, unica componente della società italiana che risulta indenne (agli occhi della Sinistra, ovviamente) da questo male oscuro.

E questa sarebbe democrazia??? No, grazie!

Preferirei discutere sul feudalesimo, su vassalli, valvassori, valvassini e servi della gleba: argomento molto più interessante di questo antifascismo peloso

 

COMMENTI

  1. Michele
    23/09 2008

    Mi permetto di aggiungere a quanto sopra che una corretta e onesta rivisitazione del fascismo, al netto delle leggi razziali ovviamente, offrirebbe spunti di riflessione nuovi.

  2. Vozzo Vozzi
    24/09 2008

    Con il Fascismo l’Italia ha toccato vette mai più raggiunte di modernizzazione e conquiste sociali altissime.Esso nasceva,come Mussolini,da una costola del Socialismo,e,come nella Russia di Stalin,impresse meravigliose spinte verso una società migliore,libera ed egualitaria.Tale missione è oggi ripresa dal Cavaliere S.Berlusconi,che,proseguendo l’opera del Cavaliere B.Mussolini,confurra la Patria verso fulgidi traguardi politici e sociali.

  3. Vozzo Vozzi
    24/09 2008

    Inique furono le sanzioni contro l’Itaglia promulgate dalla Società delle Nazioni,inique saranno eventuali sanzioni Onu contro l’Italia Azzurra del Popolo delle Libertà.Gloria a Benito,vita eterna a Silvio,anche lui proveniente dalle file Socialiste.

  4. Vozzo Vozzi
    24/09 2008

    Eterna gloria al Duce e a Stalin che condussero negli stessi anni le battaglie del grande Proletariato agricolo per la meccanizzazione delle campagne e l’emancipazione dei contadini poveri.Le imperiture idee del Socialismo ebbere in essi i massimi condottieri,anche se,purtroppo,la Germania di Hitler scatenò la Guerra e con essa lo sfacelo immane che ne derivò.

  5. Vozzo Vozzi
    24/09 2008

    Mi permetto di dire all’Avv.Michele che ‘razziali’si scrive con due zeta!Comunque tali leggi non tolgono nulla alla Grandezza del Fascismo.Esse avevano una solida base culturale come dimostra l’ampio volume che il Gerarca siciliano Dott.Alfredo Cucco,celeberrimo oculista,ebbe a pubblicare nel 1938.Ricordo ancora quando,nell’estate del 1947,ne rinvenni una copia nella libreria di libri e fumetti usati nei pressi del mercato di Ballarò,a Palermo.La posseggo ancora,e la consulto sovente.

  6. Michele
    24/09 2008

    Grazie, provvedo. Naturalmente è stato un errore di battitura….inutile sottolinearlo vero?

  7. Marcus
    24/09 2008

    Dovresti chiederlo a Talita…
    Nel tuo caso comunque, credo non avrà dubbi…

  8. Talita
    24/09 2008

    Marcus, credevo che avessi perso il gusto di citarmi a sproposito.
    Credevo inoltre che ti fosse chiara la FONDAMENTALE differenza tra un refuso e un errore grammaticale o sintattico.
    Se posso esserti utile in tal senso, non esitare a chiedere.

  9. Vozzo Vozzi
    24/09 2008

    La cara Signora Talita talvolta è severa con gli altrui errori di battitura,ma io credo che la mitezza ed il rispetto degli altri possano moderare tali escandescenze ed una certa nervosa maniera di scrivere sul blog.Leggo oggi,sulla pagina della posta del mio aamato quotidiano’Il Giornale’due isteriche lettere di un pilota e di una hostess dell’Alitalia,alle quali il Direttore ha dato ferme ed ironiche risposte.Certamente l’Aviazione civile italiana e mondiale deve tutto al nostro Gerarca Italo Balbo,del quale pochi giorni orsono il Presidente Berlesconi tenne un giusto e meritato elogio.Egli,erede del meglio del Regime del Ventennio,rafforza così ideologicamente quella linea di Civiltà che il Duce aveva tracciato e che Fini ha vistosamente tradito.Il Popolo della Libertà ordunque porta al compimento quell’immane lavoro che il Fascismo aveva intrapreso e che i barbari angloamericani ed i banditi partigiani rossi avevano purtroppo interrotto,ed in ciò penso di essere in totale sintonia con l’Avvocato Pivetti ed il nostro bravissimo Presidente del Consiglio.

  10. 24/09 2008

    Ho risposto al tuo commento su parentopoli…

  11. Talita
    24/09 2008

    Michele,
    concordo con te quando auspichi una revisione storica del periodo fascista, che però deve essere appannaggio degli storici e non dei politici, i quali – nella migliore delle ipotesi – sposano il conformismo e il politically correct a tutti i costi.
    C’è poi un vizietto tutto italiano e tutto sinistro, per cui il “revisionismo” (ossia un normale e obbligatorio dovere degli storici) è considerato invece una parolaccia e fa parte dell’eterna “lotta tra bene e male” che i sinistri credono (o meglio: vogliono farci credere) di combattere, anche se somiglia tantissimo alle lotte di don Chisciotte contro i mulini a vento.
    È sottinteso che questo gridare allo scandalo ogni volta che qualcuno si propone di RIFLETTERE sul passato, ha anche lo scopo di lasciar circolare libri di scuola confezionati a uso e consumo della Sinistra.
    Ne abbiamo avuto un recentissimo e ridicolissimo esempio a proposito di Porta Pia. Dunque, il 20 settembre scorso, il generale Antonio Torre ha commemorato a Roma il 138° anniversario della Breccia di Porta Pia, parlando diffusamente (in quanto accorsi in difesa del Papa) dei soldati dell’esercito pontificio e dei 19 di loro morti in tale occasione, tralasciando i caduti italiani.
    Apriti cielo! La Sinistra, ormai in appostamento continuo, si è messa a berciare che basta con il revisionismo e che è vergognoso che quel [fascista – NdR] del sindaco di Roma non abbia preso a metaforici calci negli stinchi l’incauto generale.
    La Sinistra, ovviamente, non ha spiegato perché Alemanno dovrebbe essere garante dei fatti di Porta Pia. Se si fosse trattato di Porta Ticinese, ne sarebbe dovuta essere garante la sindaca Moratti???
    Insomma, ormai siamo alle comiche! E in un momento in cui le energie dei nostri politici dovrebbero essere completamente assorbite dalla soluzione di problemi ben più pressanti e relativi agli Italiani contemporanei!

  12. Talita
    24/09 2008

    Caro Vozzo Vozzi,
    non sono mai stata severa con gli errori di battitura – come dici tu – ma ho sempre sottolineato l’insipienza di user che si sono permessi di attaccare gli altri senza motivo e senza avere le basi per farlo.
    A me non interessano gli errori degli altri: bado a non farne io. Se però gli altri fanno i “furbi”, adopero anch’io la mia furbizia, che poi non è una gran virtù.
    Mi permetto, inoltre, di darti un consiglio. Non usare alla leggera il termine “isteria”, che ha una precisa connotazione psichiatrica e che generalmente rispecchia le attitudini di chi lo usa.
    In particolare, in questo blog si usa spesso per definire la chiarezza di idee e la capacità di dire pane al pane e vino al vino. Oppure in mancanza di argomenti validi da contrapporre a tesi che non piacciono.

  13. M.Sparpagliato
    24/09 2008

    Concordo con Giannì:la Sicilia è tutta e solo nepotismo.Inoltre è vero che è stato disgustoso cambiare il nome all’Aeroporto di Comiso!!!Bravo Walter Giannì!

  14. M.Sparpagliato
    24/09 2008

    Complimenti a Giannì anche poer la pesantissima critica ad Iadicicco di Azione Giovani.La nuova Destra,come dice Fini,o è Antifascista o non è.O De Gaulle Churchill sono un riferimento ideale,oppure si sta con il nazifascismo!

  15. Vozzo Vozzi
    24/09 2008

    Con il termine ‘isteria’non volevo offendere nessuno,nemmeno te,gentile Talita,con la quale condivido gran parte dei miei ideali di gioventù.Mi spiace che tu ti sia adombrata,e ti prego di spogliarti completamente di ogni eventuale pregiudizio sul Fascismo e sui partecipanti a questa interessantissima discussione.Mi spiace aver letto alcune cose sul sito di Walter Giannì,in particolare sul nepotismo siciliano e sull’antifascismo di Gianfranco Fini,persona che un tempo stimavo,in quanto allievo prediletto del caro amico Giorgio Almirante,che l’ultima volta incontrai,assai provato(era con SDonna Assunta.e tenne a fatica un comizio)presso l’Hotel Jolly (avevamo stanze attigue!)di Siracusa,nel 1988.C’era anche,in disparte,il democristiano potentissimo,allora,On.le D’Acquisto.Credo fosse nel Maggio 1988,in twmpo di elezioni.In tale occasione incontrai perfino Giovanni Spadolini,allora Ministro della Difesa,mentre in una Piazza di Ortigia,passava in rassegna alcuni militi in parata!Vidi anche Bettino Craxi,in un cinema siracusano,ad un affollatissimo comizio:conservo ancora le bandierine e le spillette(con il suo faccione)dell’allora potentissimo Psi.Sulle opinioni dell’amico Iadocicco di Azione Giovani concordo pienamente:ma che cavolo è questo ‘antifascismo’?Basta con le menzogne e le stupidate,la Destra Italiana è vera Destra,ed il PDL la incarna pienamente,anche nella magnifica figura del suo Leader e Primo Ministro!Caro Michele,mi associo a questo tema,da te proposto,e mi dissocio da Giannì e Sparpagliato e (forse,mi par di capire che ella sia antifascista)dalla pur brava Sig.na Talita.

  16. Michele
    24/09 2008

    Vozzo Vozzi commento delle 13.38:
    I Barbari angloamericani come li chiami tu ci hanno liberato dall’occupazione tedesca ed hanno impedito che noi si diventasse una provincia sovietica. Per quanto riguarda il tuo commento sui partigiani, mi astengo..magari ne facciamo oggetto di un nuovo post.

  17. Talita
    24/09 2008

    Vozzo Vozzi,
    di buone intenzioni sono lastricate la strade dell’inferno.
    Non ho detto che tu volessi offendere qualcuno. Ti ho solo consigliato di non usare alla leggera il termine “isteria”, fermo restando che lo potrai usare ogni volta che vorrai, prendendoti ovviamente la responsabilità di quello che dici.
    Io non mi sono affatto adombrata, anche perché non sono né il pilota né l’hostess che hanno scritto al Giornale. Sono solo una persona con un buon bagaglio lessicale, in cui sono compresi diversi vocaboli per rappresentare adeguatamente i più svariati concetti.
    Non condivido invece il tuo essere sicuro che io (o qualsiasi altra persona) abbia pregiudizi. La parola è composta dal prefisso PRE- e dalla parola GIUDIZIO, ed è applicabile a qualsiasi cretino che emetta giudizi PRIMA di aver riflettuto adeguatamente ed essersi procurato il maggior numero di informazioni su un argomento.
    Io mi informo ed elaboro i miei giudizi sulla base delle informazioni. E così penso che faccia la maggior parte della gente: soprattutto quella che usa un solo nik in questo blog. ;)

  18. Talita
    24/09 2008

    Errata corrige
    Ovviamente, “le strade”

  19. Zico
    24/09 2008

    Come mai qui non si parla dello scandalo PARENTOPOLI?

  20. Ex
    24/09 2008

    Raccolgo l’invito di MP ad una corretta e onesta rivisitazione del fascismo (al netto delle leggi razZiali, ovviamente).
    Vado per bullet-points (e sarò necessariamente sintetico), in rigoroso ordine sparso, a partire dalla luminosa e per nulla antidemocratica presa del potere nel 1922.
    1) uccisione di Don Minzoni ad opera di Italo Balbo (Argenta, provincia di Ferrara, 1923)
    2) uccisione di Matteotti, deputato socialista (1924)
    3) arresto e confino di numerosi oppositori al regime: tra i tanti ricorderò Pertini, Nenni e Gramsci (quest’ultimo morto in carcere)
    4) conquista dell’Etiopia e costituzione dell’Impero, sui cadaveri di moltissimi etiopi “gasati” dal generale Renato Graziani (per approfondimenti andare su History Channel: Storia proibita del colonialismo italiano)
    5) partecipazione alla guerra civile spagnola al fianco delle truppe hitleriane, con corresponsabilità in numerosi eccidi
    6) partecipazione alla seconda guerra mondiale con un esercito male addestrato e peggio equipaggiato (cfr “Tutti i vivi all’attacco” di A. Caruso, sulla campagna di Russia), perchè l’ora del destino era scoccata e serviva un pugno di morti da gettare sul tavolo della pace (si è visto poi come andò a finire)
    7) dopo l’8 settembre e la rocambolesca liberazione dal Gran Sasso, costituzione di uno Stato fantoccio nel Nord Italia totalmente asservito ai nazisti
    Dimentico qualcosa? Ah sì, i treni arrivavano in orario e la sera si dormiva con la porta aperta.
    Caro MP, se vogliamo guardare solo alla modernizzazione di un paese, anche l’URSS dei piani quinquennali e la Cina di Mao hanno portato fuori dalla miseria più nera i loro popoli. Se è per questo, anche la Cina di oggi sta avendo uno sviluppo economico incredibile: ma sempre una dittatura rimane.
    Quanto all’attualità dell’antifascismo, basti ricordare che senza di esso non ci sarebbe stata la riconquista della libertà, la democrazia e la Costituzione Repubblicana. Quello che è oggi l’Italia discende direttamente dalla lotta antifascista: FINALMENTE se n’è accorto anche Fini (peccato che il suo partito non sia del tutto d’accordo).
    Da Marzabotto (BO),
    Ex

  21. M.Sparpagliato
    27/09 2008

    Concordo pienamente con Ex ma resto convinto che possa esistere una Destra Antifascista,gollista e conservatrice e non biecamente berlusconiana.In buona sostanza condivido in tutto e per tutto le idee di Gianfranco Fini,successore del Berlusconi,dopo il ritiro o il decesso,alla guida della nostra Nazione!Altro che Salò,fascismo e vecchie fanfaluche varie.

  22. Vozzo Vozzi
    28/09 2008

    Egregio Sig.Sparpagliato,si vada a documentare!20-30.ooo ex fascisti trucidati dai banditi partigiani dopo il 1945.Queste le cifre.Un Olocausto,per giunta sottaciuto e negato.Il Fascismo demonizzato.Questi i fatti,caro Sparpagliato,si documenti,se crede.Finalmente tutto questo è finito,abbiamo una seria ripresa del programma da parte del Pdl,ed il Sig.Fini viene a parlarci di antifascismo,di De Gaulle e di Churchill.Roba da matti.

  23. Talita
    28/09 2008

    Vozzo Vozzi, posso farle una domanda?
    Si piace di più con la personalità A o con quella B (considerando che quella C e quella D emergono con minore frequenza)?

  24. Talita
    28/09 2008

    Non si capisce quale “programma” avrebbe seriamente RIPRESO il PDL.
    Non si capisce che cosa c’entri il PDL con il fascismo, se non nell’ambito della fantapolitica di Veltroni e kompagnucci.
    Non si capisce perché una stessa persona debba sostenere tesi contrapposte: è perché non ha opinioni salde oppure perché sa solo mestare nel torbido?

  25. Vozzo Vozzi
    29/09 2008

    Non ho interesse alcuno a polemizzare con la Signorina F.Talita:mi sembra che ad essa non dispiaccia,come al Sig.Sparpagliato,la scelta antifascista dell’Onorevole Fini.Meglio così,ma per me(e moltissimi altri che incontro quotidianamente),è motivo di speranza l’attuale Pdl,il suo Leader,ed i legami(ribaditi dal discorso su Italo Balbo)fra questo Partito ed il Fascismo storico insieme al Nazionalsocialismo germanico.Tale è la mia opinione:se qualcuno pesca nel torbido non sono certo io con le mie coerenti certezze.Ciò detto,non rifiuto certo altre opinioni!

  26. Talita
    29/09 2008

    Vozzo Vozzi, lei è un monstrum (nel senso etimologico del termine)!
    Forse è l’ora tarda, ma come fa a dormire e sognare mentre scrive?
    Il PDL legato al fascismo e addirittura al nazionalsocialismo germanico?!?
    Suvvia, non esageri con la sua personalità B!

  27. Talita
    29/09 2008

    E brava la signora Concita, sopraffina tanghera: da leggere con l’accento tonico sulla “e”, altrimenti il senso cambierebbe.
    Sull’inserto “satirico” allegato all’Unità-trallallero-trallallà campeggia una vignetta in cui un uomo con una pistola spianata si rivolge al ministro Brunetta.
    E che prosa satirica!!! Ecco il testo:
    ____________
    «Stavo a casa in mobilità, depresso, senza fa’ n’cazzo e me so’ detto: C’ha ragione Brunetta. I fannulloni so’ ‘na vergogna.
    Allora me so’ fatto forza. Me so’ alzato, me so’ fatto la barba e ho preso il vecchio ferro, quello de quando facevo anche 14 h consecutive da guardia giurata.
    E so’ venuto ar Ministero a ringraziatte, Rena’».
    ____________
    Da ridere fino alle lacrime… Come quando le brave Brigate Rosse fecero fuori Marco Biagi: senza dubbio per vendicare le sue vittime, come direbbe il non-terrorista Adriano Sofri.
    Propendo per un’interpretazione alternativa: a Milano “pistola” esprime un concetto preciso, che ben si addice al Komintern dell’Unità-trallallero-trallallà.
    Questi vigliacchi stanno affondando e, come tutti i vigliacchi, cercano di trascinare a fondo quanti più “nemici” possibili.
    Questi vigliacchi accusano gli altri di fascismo, mentre usano concetti e metodi propri del fascismo più bieco.
    Mi ri-domando: ma non esiste il reato di istigazione a delinquere???

  28. D.Smpimpolato
    29/09 2008

    Mi stupisce sapere che Talita legge l’Unità.Ad ogni buon conto faccio notare,sommessamente,che il Ministro Brunetta è ex socialcomunista,come tanti del Pdl,e che come tale a me personalmente,da vecchio Fascista,fa poca simpatia.La satira,comunque,in Italia,è libera,fino ad ora.Può essere oltraggiosa,se è vera satira.Mi riferisco,ad esmpio,alla vignetta,su Panorama di fine Agosto,di Forattini,su Berlusconi che orina sul Comunismo mentre Veltroni guarda!Divertentissima.

  29. Vozzo Vozzi
    29/09 2008

    Lo dicevo io che la Concita è una allieva di Furio Colombo.E non ci credevate…

  30. Talita
    29/09 2008

    Povero S.! Siamo al quinto nick!
    E conservi la sua meraviglia per altro: io leggo TUTTI i quotidiani disponibili. Altrimenti come potrei parlare con cognizione di causa?
    P.S. Chi, tra i cinque, mi risponderà-trallallero-trallallà???

  31. Vozzo Vozzi
    30/09 2008

    Davvero Ella legge tutti i quotidiani?Ma proprio tutti?Sapesse quanto la ammiro,ma per i comuni mortali ciò davvero è impossibile.Legga anche qualche libro,se può.Le consiglio ‘Decima Flottiglia Mas’,sull’eroismo italiano in periodo bellico.Ne troverà notizia su Internet.Cordialità,e,mi creda quando Le dico che il Pdl è il vero erede del Ventennio,mentre Gianfranco Fini ha tradito per un piatto di lenticchie,che lui chiama ‘libertè-egalitè-fraternitè’,dichiarando amore per De Gaulle-Chirac-Sarkozy!

  32. Vozzo Vozzi
    30/09 2008

    Ha visto gli Onorevoli Borghezio e Lupi sulla 7 da Lerner,attorniati da preti comunisti,immigrati,ebrei e sinistrorsi vari?
    Mi dica cosa ne pensa,Talita.Grazie.

  33. Talita
    30/09 2008

    Vozzo Vozzi (ossia S.), chi è Ella? La sua pronipotina, magari enchanted?
    E poi, comune mortale, impari qualcosa in più: leggere i giornali significa scorrerne i titoli e soffermarsi solo sugli articoli che interessano: azione “eroica” che DOVREBBE compiere qualsiasi mortale.
    In quanto ai libri, ne leggo molti, ma solo quelli che mi interessano. Tra questi non è compreso il titolo da lei consigliato. Ho già studiato sufficientemente la storia durante il mio curriculum scolastico.
    E, infine, mi creda quando Le dico che il Pdl con il Ventennio c’entra come i cavoli a merenda.

  34. Talita
    30/09 2008

    Vozzo Vozzi (ossia S.), esprimere la mia opinione sulla trasmissione di Lerner mi sembra assolutamente inutile.
    Borghezio e Lupi ne erano ospiti. Qual è il problema?

  35. Talita
    30/09 2008

    Puah, puah e puah!!!
    Per l’ignobile vignetta pubblicata, l’Unità si scusa con il ministro Brunetta MA ANCHE sottolinea:
    _____________
    «che Emme è un settimanale satirico (“periodico di filosofia da ridere e politica da piangere”, si legge accanto alla testata) e che, dunque, l’evidenza del contesto non può ingenerare alcun sospetto di “ambiguità” sugli intenti della vignetta. Contesto, quello di Emme, che, per la storia e la qualità degli autori e dei collaboratori, è lontanissimo da suggestioni violente, come d’altra parte è confermato dai riconoscimenti che negli anni gli sono stati tributati». (Il Tempo, oggi)
    _____________
    Eh sì, ha ragione la signora Concita: una pistola puntata in faccia fa morire dal ridere e non può ingenerare alcun sospetto di ambiguità, né suggestioni violente…
    La pensano così anche le Brigate Rosse.

  36. 30/09 2008

    Questi sono i messaggi che mi arrivano sulla mia email dell’Università…..non ho parole

    On Tue, 30 Sep 2008 10:40:27 +0200, Rdb/CUB Università wrote
    > */BRUNETTA CE LA METTE TUTTA
    > PER FAR RIUSCIRE LO SCIOPERO DEL 17 OTTOBRE!/*
    >
    > Non contento dei provvedimenti inseriti nella legge
    > 133, il Ministro Brunetta continua la sua operazione di devastazione
    > delle regole, dei diritti e dei salari dei pubblici dipendenti. Dopo i
    > disastrosi provvedimenti inseriti nella legge 133/2008, il Ministro
    > dichiara la volontà di erogare, in concomitanza con la tredicesima, a
    > contratti scaduti ormai da 9 mesi (tranne la Ricerca e la Presidenza
    > del Consiglio che aspettano il contratto da 33 mesi!), una somma pari a
    > circa *100 Euro*, corrispondente all’indennità di vacanza contrattuale,
    > il cui onere è stato previsto dalla Finanziaria di Prodi per il 2008.
    > Una “mancetta” di fine anno, tanto per non far mancare la frutta, ma
    > senza caffè!, ai dipendenti pubblici durante le feste di Natale.
    >
    > Ma non basta, il Ministro va oltre ed inserisce nella
    > bozza di finanziaria per il 2009, la previsione dello stanziamento della
    > somma pari all’inflazione programmata, calcolata sulla *sola voce
    > stipendiale*, per il rinnovo dei contratti pubblici.
    >
    > In soldoni, ai circa 100 euro lordi (circa 60 netti!)
    > per tutto l’anno in corso (perché nessuno stanziamento ulteriore è
    > previsto per il 2008) si dovranno aggiungere i 50- 70 Euro (a seconda
    > dei comparti) mensili previsti a decorrere dal 2009. C’è di che
    > scialacquare!
    >
    > Tutto questo “a prescindere” dall’esito delle
    > trattative, che si dovrebbero aprire ad ottobre. Infatti Brunetta,
    > d’intesa con Sacconi, ha fatto introdurre in Finanziaria la clausola
    > “che le somme stanziate possono essere erogate anche mediante *atti
    > unilaterali*, previo conguaglio all’atto della stipulazione dei CCNL”.
    > Dal momento che secondo le dichiarazioni rilasciate dal Ministro alla
    > stampa, l’erogazione dovrebbe riguardare il 90% degli aumenti, alla
    > contrattazione sarebbe lasciata la percentuale del 10%, pari neanche a
    > 10 Euro!
    >
    > E’ evidente l’intenzione del Governo di privare i
    > lavoratori pubblici dello strumento della contrattazione, ma è
    > altrettanto evidente come questo sia possibile a causa del *meccanismo
    > perverso che regola la contrattazione, a partire dagli accordi sul costo
    > del lavoro di luglio ’93 siglati da Cgil, Cisl e Uil, che lega gli
    > aumenti contrattuali al tasso di inflazione programmata.*
    >
    > Perché far aspettare tanto i lavoratori per elargire quei quattro soldi
    > di elemosina contrattuale, già stabilita dal Governo con l’inflazione
    > programmata?
    >
    > Un atto unilaterale, quindi, così come unilaterale è
    > stato lo scippo di una cospicua parte del salario accessorio a danno
    > dei lavoratori degli Enti previdenziali e delle Agenzie Fiscali, che a
    > fronte di una perdita media di circa 500 euro al mese per il 2009, se ne
    > vedranno restituire, *come aumento contrattuale, *bene che vada 80!* *
    >
    > Ma ancora non è finita ed il Ministro approfitta del
    > momento per spingere l’acceleratore su quella che viene definita “la
    > seconda fase della sua rivoluzione” che riguarda le modalità di
    > assegnazione del salario accessorio.
    >
    > Sempre in Finanziaria leggiamo ” a decorrere dal 2009″
    > il trattamento economico accessorio dei dipendenti pubblici è
    > corrisposto in base alla qualità, produttività e capacità innovativa
    > della prestazione lavorativa” : si ribadisce quindi con forza un
    > concetto già espresso nel Memorandum sul Pubblico Impiego sottoscritto
    > da Cgil, Cisl, Uil e Ugl e che ha trovato applicazione negli ultimi
    > contratti.
    >
    > Meritocrazia, salario accessorio su base percentuale (
    > “Se l’obiettivo è premiare il 10, il 20, 30% dei dipendenti e dei
    > dirigenti i soldi bastano ed avanzano” dichiara il Ministro in
    > un’intervista su Economy) saranno i nuovi criteri con i quali verrà
    > corrisposto il salario accessorio.
    >
    > Salario accessorio che, è bene ricordare a tutti, altro
    > non è che quella parte di aumento contrattuale che, anche grazie a Cgil,
    > Cisl e Uil è stata resa variabile, non facendola confluire sullo
    > stipendio tabellare.
    >
    > Soldi dei lavoratori, quindi, soldi che servivano al
    > recupero della perdita del potere di acquisto dei nostri salari
    > all’indomani dell’eliminazione della scala mobile e che invece oggi con
    > un colpo di spugna sono stati tagliati con il decreto 112 o si vorrebbe
    > assegnati ad personam.
    >
    > Che dicono Cgil, Cisl e Uil, o meglio, che possono dire?
    >
    > Qualcuno tuona: “siamo ad un passo dallo sciopero!”
    > Cos’altro manca per farlo? Forse l’abiura delle scelte di fondo
    > perseguite negli anni, dalla pratica di moderazione salariale alla
    > modifica del modello contrattuale, che hanno segnato e segnano *la
    > differenza tra noi e loro.*
    >
    > Non a caso la RdB CuB, insieme al sindacalismo di base,
    > lo sciopero lo ha già indetto, *uno sciopero generale*, contro le
    > politiche scellerate sul mondo del lavoro, contro lo smantellamento
    > dello stato sociale, contro la perdita dei diritti e l’attacco alla
    > stessa dignità dei lavoratori.
    >
    > *Ci sembra più che sufficiente per partecipare
    > allo sciopero e alla manifestazione che si terrà a Roma il 17 ottobre.*
    >
    > Se non ora, quando?
    > *Passa dalla tua parte. Sostieni ed iscriviti a RdB/CUB !*
    > —————————————–
    > RdB/CUB Pubblico Impiego — Università
    > Aderente alla Confederazione Unitaria di Base (CUB)
    > Via dell’Aeroporto, 129 ROMA
    > tel. 06.762821 fax 06.7628233
    > http://www.universita.rdbcub.it
    > Per cancellarsi fare un replay con “no messages”

  37. Talita
    30/09 2008

    Michele, strano che non ti siano arrivati anche messaggi sulle macchine da caffè a tempo…
    Ancora una gravissima colpa di Brunetta, che ha architettato il seguente crimine nei confronti dei fannulloni:
    siccome nelle aziende la cosiddetta “pausa caffè” è pari a 10 minuti, le macchine dispensatrici di bevande e merendine si spegneranno appunto dopo 10 minuti, al fine di evitare i bivacchi modello sit-in.
    Sacrilegio! I sindacati sono già sul piede di guerra!
    È universalmente noto, infatti, che per migliorare il rendimento dei lavoratori, occorrono macchine erogatrici di caffè no-stop e, possibilmente, anche di idromele.

  38. Talita
    30/09 2008

    Segnalo l’interessante articolo “I partigiani scappavano dopo aver attaccato” sulla Stampa di oggi.
    Tratta di un nuovo film di Spike Lee, il quale afferma tra l’altro:
    ___________
    «Nemmeno i partigiani, sia italiani che francesi, erano amati da tutti: c’erano anche quelli che dopo aver fatto qualche azione scappavano sulle montagne, lasciando la popolazione civile a subirne le conseguenze. Oggi tutti in Italia si dicono partigiani, ma allora, negli anni Quaranta, non era affatto così. È stato così anche per noi americani di colore per la difesa dei diritti civili».
    ___________
    Mi sembrano parole molto sagge.

  39. Efebo
    4/10 2008

    Ciao Michele,
    seguo i tuoi incontri, so con chi parli e con chi ti vedi. Bravo ti stai muovendo bene.
    In bocca al lupo

  40. Vozzo Vozzi
    5/10 2008

    Perchè mai,Signorina Talita,il Cavalier Berlusconi veste esattamente di nero come il Cav.Mussolini e parla tanto bene di Italo Balbo?Legga un poco più spesso il Foglio,Liberal,Libero ed Il Giornale e vedrà che ho ragione.Bravo Spike Lee che dice tutta la verità sui partigiani.Diciamoci la verità,quella verità che il Dott.Berlusconi va ripetendo:la Costituzione Italiana è sovietica e comunista.Il Pdl,grande erede del Pnf,in futuro costruirà una Italia nuova fondata su uba Nuova Costituzione.Si rassegni,Sig.na Talita,ma la Fiamma del Fascio arderà per Mille anni a venire.

  41. Talita
    6/10 2008

    Signorino Vozzo Vozzi (ossia S.), ehilà! Non avevo dubbi sulla sua comparsa sincronizzata!
    La Fiamma arderà per mille anni? OK, le consiglio di sfruttare tale opportunità, risparmiando sulle spese domestiche di riscaldamento, nel più profondo rispetto delle attuali esigenze ecologiche.

  42. Vozzo Vozzi
    6/10 2008

    Signorina Talita,Ella mi appare alquanto infiammata!Ha visto il Duce in doppiopetto al G4?Ha visto il suo di lui passo dell’Oca?Si è infiammata d’amore?

  43. Talita
    6/10 2008

    Signorino Vozzo Vozzi (ossia S.), mi vuole finalmente chiarire chi è Ella?
    Anche lei mi pare pericolosamente infiammato: alle meningi!

  44. Francesco Gilardini
    27/10 2008

    Il fascismo è definitavemente sepolto dall’accordo tra Silvio B.e Gheddafi,con il quale si riconoscono i torti gravissimi del colonialismo italiano.Più di 100.000 libici sterminati e tanti deportati non sono uno scherzo,e dimostrano che gli ‘Italiani brava gente’non esistono.Sappiamo essere spietati,ed il fascismo lo dimostra.

  45. Francesco Gilardini
    27/10 2008

    Ma perchè S.B.quando è all’opposizione fa il simpaticone e sorride e quando è al potere assume quell’espressione malvagia e da dittatore africano?Di Pietro forse è malvagio,ma lui non scherza.