Pubblicato in Archivio
12/11 2007

SIAMO PRONTI!!

Sarebbe stato logico inserire in questo post una foto col Dott. Dell’Utri o col Prof. Taormina ma di quelle ne ho già moltissime e comunque tra breve caricherò quelle nuove nella mia photogallery. Ho scelto di pubblicare quelle con Gianfranco Miccichè, Presidente dell’ARS e Giovanni Mauro, Senatore di F.I. eletto a Ragusa perchè esprimono lo spirito di Montecatini. I Big dell’Isola ci accolgono, ci aiutano e ci supportano. Capiscono che il Buon Governo parte da noi. politici illuminati come l’On.Miccichè ed il Sen. Mauro sono quella parte sana del mondo della politica che aiuterà la società ad uscire dalle secche in cui si trova adesso.

Il 9 il 10 e l’11 di novembre si è tenuto nella splendida cornice di Montecatini Terme il V convegno nazionale dei Circoli di Marcello Dell’Utri.

In realtà però, come ha detto il Prof. Taormina nostro vice presidente nazionale, quello che si è chiuso ieri è il primo congresso nazionale dei Circoli del Buon Governo.

I nostri Circoli hanno cambiato pelle, da culturali e politici si sono trasformati in politici-culturali. Questo per venire incontro alle esigenze che da più parti d’Italia i giovani hanno manifestato. Nasce all’interno di Forza Italia una nuova classe dirigente pronta a dar man forte a chi sino ad oggi ha mandato avanti il partito e l’Italia con autentica passione.

Forza Italia può contare su una linfa vitale in più che in questo momento è essenziale per un corretto rinnovamento della classe dirigente.

Rispetto a 14 anni fa il panorama politico è cambiato, le esigenze di vita delle persone sono mutate. A queste esigenze bisogna dare risposte concrete ed il nostro modo di intendere la politica può, anzi senz’altro è di ausilio al progetto di F.I. e della CDL.

Siamo una classe di gente giovane, che lavora e che fa questo per passione perchè sente di dover contribuire allo sviluppo della nostra Città della nostra Regione e della nostra Nazione come dovere morale e civico .

Siamo pronti a dare il nostro contributo occupando spazi nelle liste di Forza Italia, da sempre partito attento a qualsiasi tipo di mutamento politico, che possano consentire a tutti di partecipare attivamente alla vita politica.

Il Sen. Dell’Utri lo ha detto a chiare lettere:“Quando abbiamo fatto Forza Italia ci siamo avvalsi di molti giovani che lavoravano nelle nostre aziende, adesso ci avvarremo di chi ha dimostrato di saper fare con i nostri Circoli”.

Noi siamo pronti, i giovani del Buon Governo hanno la volontà di aiutare Forza Italia ad essere sempre più leader nel panorama politico nazionale. L’esperienza di chi c’è stato prima di noi è però fondamentale, siamo sicuri che avremo da i big attuali tutto il supporto e l’aiuto necessario. Quell’aiuto che sarà utile per l’ulteriore sviluppo di Forza Italia, della CDL, della Città, della Regione e dell’Italia intera.

 

 

COMMENTI

  1. Stefano
    12/11 2007

    ma allora fate sul serio……
    in bocca al lupo

  2. 12/11 2007

    Crepi il lupo ;)!!

  3. MiRitorniInMente
    13/11 2007

    [.....]

    Mio caro,
    in genere tollero anche se di mala voglia chi non si firma nome e cognome.
    Per quanto riguarda il tuo post lo cancello perchè è fazioso e di parte.
    Un solo esempio: non riporta l’assoluzione dal processo per calunnia del 08.10.2006.
    Fatti un giro su internet dovresti trovare anche la mia arringa.

    Michele Pivetti

  4. MiRitorniInMente
    13/11 2007

    Il fatto che il reato per Cirfeta sia stato dichiarato estinto per morte del reo, dimostra che l’accusa nei suoi confronti potrebbe essere comunque fondata ma impossibile da stabilire.

  5. 14/11 2007

    ma di che cosa va blaterando??????
    forse lei conosce il processo meglio di me???
    ma sa cosa sta scrivendo???
    Questo non lo cancello, sarebbe evitarle una magra figura!!

  6. Maurizio Possenti
    14/11 2007

    [...............]

    POST RIMOSSO.
    IL LINK RIPOSRTAVA NOTIZIE PARZIALMENTE INESATTE.

  7. Gilda Borromei
    14/11 2007

    X Maurizio:
    meglio ancora leggere i commenti…

    POST RIMOSSO.
    PER LO STESSO MOTIVO DI CUI SOPRA

  8. Gigi Fumagalli
    14/11 2007

    …in questo sito sembra non esserci una gran libertà di espressione… avevo visto i commenti di gilda e maurizio, mi sono andato a vedere il sito, che non conoscevo, e mi sembrava interessante e pieno di spunti.

    non capisco, vi definite “casa della libertà” e poi la verità pensate di averla in mano solo voi? ba… che delusione… veramente non so + a che santo votarmi

  9. Michele
    14/11 2007

    Caro signor Fumagalli,
    la politica di questo blog è la seguente.
    Ognuno può scrivere ciò che gli pare.
    Deve però osservare che quello che dice sia frutto di dati oggettivi ed incontrovertibili.
    Nei link che mi sono stati segnalati, e per i quali ho chiesto alla moderazione un intervento,erano contenute delle inesattezze storiche.
    La libertà finisce laddove inizia la lesione dei diritti altrui.
    Certo della sua comprensione le invio un saluto con la speranza di poterla leggere ancora.

  10. Gigi Fumagalli
    14/11 2007

    ma non crede che il cittadino (non tutti siamo avvocati) abbia il diritto, in base a visioni diverse, di farsi una propria opinione? e poi se dicono il falso, perchè non sono stati querelati travaglio e company? che io sappia (sto navigando un pò online) ho visto che molte denuncie le hanno vinte (travaglio/luttazzi) ma questa gente in televisione non può mai parlare. Intendiamoci, io voto a DX però vorrei + onesta intellettuale e le censure non mi sono mai piaciute.

  11. Michele
    14/11 2007

    Certo che lo credo. Accanto a questo però è moi compito politico e professionale oltre che morale tutelare i soggetti che ricevono accuse infondate. Travaglio ha già risarcito molte volte molti politici.Travaglio non credo ne abbia vinte ma potrei sbagliare.
    La mia non è censura, la prego di scusare il mio gesto, è tuttavia il desiderio di evitare confusione nella gente.
    Inoltre sappia che le due persone di sopra in realtà è un unica persona.

  12. Francesco Positani
    16/11 2007

    Il delitto Biagi/5
    “E’ una vergogna che un giornale come il Corriere della Sera ospiti i rancori di un vecchio rancoroso (Biagi, ndr) che ce l’ha con me. Io non ho mai detto che Biagi e Santoro dovevano essere mandati via, ho sempre detto che se volevano rimanere non dovevano continuare a fare un uso criminoso della televisione. Ho detto che avrebbero dovuto fare come nelle televisioni private. Nelle televisioni private non ci sono mai state trasmissioni con attacchi a qualche partito ma da noi ci sono i Costanzo e i Mentana perché noi siamo liberali” (Silvio Berlusconi, Ansa, 21 maggio 2006).

    “Sconcerta e amareggia il livore con cui, ormai ogni settimana, un opinionista della statura di Enzo Biagi, dalle colonne del primo quotidiano d’Italia, prende di mira con un linguaggio irriverente Silvio Berlusconi, dimenticando che il suo bersaglio è il presidente del Consiglio di tutto il Paese. Quanto alle critiche al governo Berlusconi, esse sono ingiuste e soprattutto non in sintonia con il Paese reale. Se non fosse accecato dall’odio ideologico, Enzo Biagi dovrebbe ammettere che in quattro anni di legislatura i posti di lavoro sono aumentati, che la riforma delle pensioni ha ottenuto il plauso dell’Europa, che certamente non è la piazza di Bolzano, e che, proprio grazie al presidente Berlusconi, l’Italia ha acquisito credito e prestigio a livello internazionale” (Antonio Martusciello, Forza Italia, Ansa, 5 giugno 2005).

    “Il direttore generale considera Enzo Biagi un epurato? Quando si parla di epurati vorrei che si facesse chiarezza sulla questione Biagi, perché che si continua a parlare in questo senso del giornalista nella polemica politica è una cosa che va anche bene, ma che la Rai ne parli in questi termini, no. E’ vero che Il Fatto perdeva ascolti? E’ vero che gli è stato proposto di fare un programma biennale in prima serata per un costo di 3 miliardi delle vecchie lire? O gli era stato proposto a suo tempo un programma su Raitre e ancora del comunicato di ‘soddisfazionè diffuso dallo stesso Biagi subito dopo la chiusura del rapporto con la Rai. Lei lo definirebbe ‘epuratò alla luce di questi fatti? La Rai ha il dovere di dire che Biagi è andato via in seguito ad una transazione” (Mario Landolfi, An, Ansa, 19 dicembre 2006).

    “Chiedo alla Vigilanza di acquisire il contenuto, anche di carattere economico, della risoluzione contrattuale a suo tempo definita fra l’azienda e Enzo Biagi e copia del contratto con cui le parti hanno sottoscritto il nuovo rapporto, in base al quale il giornalista tornerà in onda il 22 aprile su Raitre con RT. Il vittimismo antiberlusconiano paga profumatamente non solo in termini politici, come si è visto nella carriera di Santoro, ma anche in termini economici, come si evince dal fatto che chi è contro Berlusconi si assicura un rapporto di collaborazione con la Rai” (Massimo Baldini, Forza Italia, Ansa, 17 aprile 2007).

  13. Francesco Positani
  14. Michele
    16/11 2007

    Signor Positani,
    scusi in questo post che c’entra Biagi?

  15. Francesco Positani
    16/11 2007

    la corruzione in questo paese purtroppo non ha colore.

  16. Michele
    16/11 2007

    in nessuna Nazione la corruzione ha colore