Pubblicato in Archivio
8/09 2007

Facciamo chiarezza

Bentrovati, mi auguro che il periodo feriale sia stato riposante per tutti voi.

Per me non lo è stato, l’estate mi stanca preferisco di gran lunga l’inverno.

Scrivo questo post per fare chierezza su un fatto che mi sta particolarmente a cuore.

Da più parti si tende ad identificare “Il Circolo” fondato e presieduto a livello nazionale dal Sen. Marcello Dell’Utri, con “I Circoli della libertà” della signorina Brambilla.

Sgombriamo il campo da questo inutile equivoco.

“Il Circolo” oggi “Il Circolo del Buongoverno” è una cosa, “i circoli della libertà” sono (se sono) un’altra ancora.

Come a tutti noto la nostra associazione nasce nel 1999 dall’idea di Marcello Dell’Utri di sdoganare la cultura ed i migliori cervelli dell’area moderata confinati in un angolo dai famosi “intellettuali di sinistra” che pensavano (ma in verità pensano ancora) di essere gli unici depositari del sapere universale.

Ebbene, una persona del calibro, dell’esperienza e del carisma di Marcello Dell’Utri ci ha messo 9 anni per fondarne oltre 3500 tra Circoli senjor e Circoli giovani, tutti regolarmente funzionanti con sede, direttivo, programmi.

Mi spiegate come fa la signorina Brambilla a fondarne oltre 5000 (!!!!!) con le stesse caratteristiche? Ossia la operosità e la reale esistenza?? In qualche mese??

Io credo che – in tutta buona fede – i nostri “cugini” o “competitor” come qualcuna ama chiamarli, si siano sbagliati di un paio di zeri ed i circoli della libertà funzionanti siano una cinquantina.

Qui in Città non se ne sente parlare, non ci sono, non esistono eppure sulla carta dovrebbero essercene a bizeffe.

Si badi bene, la mia, o meglio la nostra, non è voglia di polemizzare, noi siamo abituati a rispondere con i fatti, noi abbiamo la volontà di far crescere la Nazione.

Vogliamo far cultura attraverso la politica, vogliamo far politica attraverso la cultura. In tutta Italia organizziamo convegni, dibattiti, tavole rotonde, incontri con personaggi che nel loro settore hanno saputo fare. Ci occupiamo anche di sport direttamente.( www.ilcircologiovani.it)

I circoli della signorina Brambilla non ho idea di cosa facciano. So soltanto che si sono comprati (o affittano) una tv a giorni alterni.

Spero – con poche righe – di essere stato chiaro e di avere fugato qualsiasi dubbio circa la differenza di forma e sostanza  che esiste con i circoli della libertà.

Lei (non la conosco direttamente) è una ragazza capace che ha conquistato un posto in Parlamento nella prossima legislatura, mi permetto di sottolineare che Marcello Dell’Utri prima conquistò a suon di voti un posto in Parlamento e poi creò I Circoli, quelli veri!!!

Non vorrei che questo sia un nuovo strumento per il posto da Parlamentare.

Lo stesso Ferdinando Adornato con la sua fondazione “Liberal” ha costituito circa 300 circoli ma molto dopo aver ricevuto il consenso della gente.

Allora invito tutti a non confondere una entità neonata e poco conosciuta che mi sembra un pò come i dragoni cinesi, con una realtà solida, esistente, per molti ma non per tutti come i CIRCOLI DEL BUONGOVERNO.

 

COMMENTI

  1. Michele
    22/09 2007

    Invito tutti a leggere pagina 10 del corriere della sera di oggi

  2. 29/09 2007

    Un saluto….

  3. Michele
    30/09 2007

    Ricambio!!
    E vediamo di sentirci presto!!

  4. 3/10 2007

    Già! Ho troppa voglia di politica. Di scendere in campo con umiltà in nome della nostra città.

  5. Michele
    3/10 2007

    Caro Walter,
    lo stiamo già facendo…..Ti aspetto

  6. 6/10 2007

    Caro Michele c’è un piacere per te! arruolato volontario obbligatorio e non ti puoi sottrarre, alla redazione di http://www.forzaitaliapalermo.it
    Ciao e a presto vederci.
    Con Stima Beppe Vicari

  7. Michele
    7/10 2007

    Caro Beppe,
    obbedisco!!